Ijun: una nuova religione okinawana tra universalismo e rinascita etnica

3 Ottobre 2022 in Nuove religioni

di Francesca Lupi

Ijun è una “nuova religione” fondata a Okinawa nel 1972 e scioltasi nel 2010 che univa elementi provenienti da buddhismo, shintō e cristianesimo alla cosmologia e cosmogonia tradizionali ryūkyūane. La fondazione a Okinawa non è un mero dato geografico: i miti e gli elementi religiosi ryūkyūani costituivano una parte fondamentale della teologia di Ijun e, anche se questa religione presentava ideali universalisti e aveva l’obiettivo dichiarato di diventare la prima religione mondiale nata a Okinawa, altrettanta importanza veniva posta sulla riscoperta delle tradizioni delle Ryūkyū e sul favorire l’espressione etnica. Nel corso dell’elaborato verrà mostrato come questa religione amalgamò gli elementi tradizionali di Okinawa a quelli provenienti da altre tradizioni e come il fondatore e i suoi collaboratori presero decisioni pragmatiche adattando concetti e pratiche allo scopo di diffondere la religione nel modo più efficiente possibile sia nel resto del Giappone che all’estero.

Leggi l’articolo: Ijun una nuova religione okinawana tra universalismo e rinascita etnica

Manga e anime all’interno delle nuove religioni: i casi Aum Shinrikyō e Kōfuku no Kagaku

26 Settembre 2022 in Nuove religioni, Religione e società

di Antonia Perfetta

In Giappone, si può vedere come il rapporto tra nuove religioni e media sia complesso. Questi ultimi, infatti, sono utilizzati da alcuni per migliorare l’immagine delle nuove religioni, da altri per allontanare l’opinione pubblica da questi gruppi, in particolar modo dopo l’attentato di Aum Shinrikyō del 20 marzo 1995. Nell’elaborato, ci si concentrerà sull’uso dei media come mezzo pubblicitario positivo da parte delle nuove religioni. A tal fine, verranno presi in considerazione due media, manga e anime, i quali vedono la propria popolarità incrementare dagli anni ’80. Due movimenti religiosi in particolare sfrutteranno questi moderni mezzi con lo scopo di attirare un numero sempre maggiore di membri: la sopracitata Aum Shinrikyō e Kōfuku no Kagaku. Partendo da un’analisi dei temi trattati nei manga e anime prodotti da queste due organizzazioni, si procederà con il delineamento delle tecniche e delle modalità di produzione utilizzate da Aum Shinrikyō e Kōfuku no Kagaku. Al fine di illustrare come questi elementi vengano messi in pratica, verranno presentati per entrambi diversi esempi di anime e manga. Infine, verrà accennata la ricezione di questi da parte del pubblico, mostrando sia gli aspetti positivi, sia le opinioni più critiche.

Leggi l’articolo: Manga e anime all’interno delle nuove religioni, i casi Aum Shinrikyō e Kōfuku no Kagaku

Iyashi: guarigione e pratiche curative all’interno del seishin sekai

19 Settembre 2022 in Nuova spiritualità

di Greta Vit

Periodi di crisi di carattere economico e sociale portano alla necessità di una ricerca di nuove risposte e cambiamenti nello stile di vita. È in questo contesto che in Giappone prese piede quello che viene definito seishin sekai (mondo spirituale), fenomeno simile ma indipendente dalla New Age europea e americana. È di particolare interesse prendere in considerazione un fattore caratteristico del movimento appartenente al contesto giapponese, ovvero quello del concetto di guarigione (iyashi) e delle diverse pratiche curative utilizzate da coloro che si identificano come parte del seishin sekai. L’obiettivo dell’elaborato è quello di presentare diversi metodi e tecniche di guarigione in relazione al contesto di crisi religiosa e sociale nel quale questi si sono fatti strada nelle vite delle persone alla ricerca di una nuova spiritualità.

Leggi l’articolo:Iyashi_guarigione e pratiche curative all’interno del seishin sekai

Eterotopia, memoria e ripresa post 3.11: il Kesennuma sakura matsuri

12 Settembre 2022 in Religione e società

di Rosaria Scarfò

Il Kesennuma sakura matsuri si tiene per la prima volta ad aprile 2012 presso il Jōnenji, tempio buddhista della Scuola della Terra Pura (Jōdoshū), e può essere considerato tra le risposte che i gruppi religiosi hanno dato al richiamo della comunità colpita dal disastro dell’11 marzo 2011 (Graf 2016; McLaughlin 2011). L’elaborato presenta un’analisi del Kesennuma sakura matsuri secondo il concetto di “eterotopia” (Foucault 2004 [1967]; Johnson 2013; Saldanha 2008) e ha due scopi: 1) approfondire il ruolo del Kesennuma sakura matsuri nel clima di ripresa post 3.11 e 2) rivalutare il concetto di “eterotopia” come possibile strumento di analisi dei matsuri (Karaosmanoglu 2010; Quinn e Wilks 2016). Il punto due, in particolare, pone il seguente elaborato sulla scia delle teorizzazioni già presenti all’interno del volume di settembre 2020 del Journal of Religion in Japan, interamente dedicato ai matsuri, in cui vengono proposti altri concetti legati alle idee di “spazio” e “tempo”, come “contested zones” (Porcu 2020), “hrönirism” (Foster 2020), e “fractals and atmospheres” (Giolai 2020) per l’analisi di vari festival.

Leggi l’articolo: Eterotopia, memoria e ripresa post 3.11_il Kesennuma sakura matsuri

Refilao